Benvenuti sul nostro
BLOG Informativo HOSTING
News, Faq, Guide
Payday loans
www.

«
»


Pochi giorni al Sincrono

Inserito il Sep 16, 2009 Condividi

Fra pochi giorni inizierà finalmente la prima fase del SINCRONO per i domini .it.

Come abbiamo precedentemente indicato, questa prima fase sarà un pò laboriosa e noiosa visto che per 2 anni il Registro dei domini .it ha deciso che il sistema SINCRONO e ASINCRONO dovranno convivere, creando, sicuramente, qualche problemuccio per i trasferimento da Maintainer e Registrar, un pò di confusione nella testa dei clienti che dovranno valutare da chi acquistare un dominio con estensione .it piuttosto che decidere dove trasferirlo e se trasferirlo.

Da più di un mese con la Softgens srl stiamo lavorando su tutta la piattaforma e sistema sincrono.
Stiamo lavorando per la gestione di una console “BRUTALE”  xml, da noi creata, utile per lavorare direttamente col Registro per i test e che successivamente sarà utilizzata dal pannello admin,  sulla gestione domini lato admin e sulla gestione dei domini da parte del cliente, e gestione LAR

Abbiamo dovuto lavorare molto sulla parte che utilizzerà il cliente in quanto abbiamo dovuto integrare la piattaforma ASP.net  con il ns gestionale ordini WHMCS.

Funzionalità inserite nella gestione LAR e DOMINI:

dopo l’ordine il cliente che ha richiesto registrazione/trasferimento  domini .it potrà, dalla pagina “ordine completato” di Whmcs e dalla pagina “lar sincrono”, accedere alla nuova piattaforma scritta tutta in ASP.Net  con database MSSQL,  dove potrà eseguire la richiesta di registrazione/trasferimento /cambio dati, cambio dns, cambio registrante.

La piattaforma ASP.Net dialoga con WHMCS per controllare: scadenze domini, pagamento, numero ordine esistente, dominio esistente negli ordini, email esistente, login e password reale

Grazie a questo dialogo tra piattaforme, se pur molto diverse, siamo riusciti a creare controlli interessanti per limitare tentativi di creare lar fasulle, trasferimenti per domini non pagati, rinnovi per domini non pagati, etcc.

Il grosso problema lo abbiamo avuto per i possibili trasferimenti da Maintainer a Registrar.
Problemi:

-il cliente potrebbe non sapere se il suo è un MNT o REG
-la procedura tra trasferimento MNT a REG e da REG a REG è esageratamente diversa
-la procedura di trasferimento da MNT a REG avviene anche senza il consenso reale del REG.

Soluzioni:
Quando il cliente entra sulla piattaforma tramite il ns link utile per verificare ordine, dominio e pagamento, a monitor potrà notare se il trasfeirmento è da MNT o da REG
A questo punto proseguendo verrà redirezionato verso l’appropiata sede di trasferimento con procedura automatica.
Se l’ordine di trasferimento è pagato (la piattaforma dialoga con WHMCS) potrà procedere con l’invio dei dati per il trasferimento.
Se è un trasferimento tra REG seguirà la semplice strada di inserimento AUTHINFO e definirà i dati che in automatico il sistema preleva dal whois.
Se è un trasferimento da MNT a REG, dovrà completare la compilazione online dei campi registrant e admin per poi visualizzare dei dati che dovrà inserire, purtroppo, in uno dei 6 possibili fax da inviare al registro.

Il cliente grazie alla piattaforma, potrà vedere se i domini sono in pending oppure registrati/trasferiti.
La piattaforma dialogando con WHMCS e il Registro controllerà la situazione dei domini.

Il cliente potrà gestire i domini da un pannello molto molto semplice, dove potrà:
-modificare in autonomia dns
-modificare in autonomia i dati semplici (indirizzo, telefono, email)
-modificare in autonomia, a seguito pagamento, dati REGISTRANTE
(nome cognome, nome ditta, p.iva, codice fiscale, nazionalità)
Il pannello clienti è utilissimo anche per rivenditori di domini .it

La piattaforma ADMIN è in grado di far dialogare il proprio database MSSQL con il sistema Sincrono EPP del Registro.

La piattaforma ADMIN è strutturata per dialogare con una sottopiattaforma EPP dove tutti gli xml, tutti i controlli sugli xml, tutto il codice è stato rivisitato da zero, xml compresi, per poter semplificare la gestione al 100% e per poter fare in modo che non vi siano possibilità di errore senza mai dover far metter mano a file xml da parte del REGISTRAR.
In pratica dal momento in cui il cliente inserirà una richiesta di registrazione, basterà un click per inserire i dati nel database e inviare i moduli al Registro senza dover edittare nulla, se non i DNS (ns decisione di modificare i DNS)

Problemi riscontrati per semplificare la gestione dei domini senza dover mai metter mano alla console “BRUTALE”” xml e far modifiche manuali nel pannello admin:

quando si invia una modifica o registrazione dominio, all’EPP si deve inviare una richiesta con i nameserver e relativi host nel caso di nameserver .it
Abbiamo dovuto fare in modo che si generasse automaticamente un unico xml con i giusti campi dei nameserver in modo da non dover creare vari xml
visto che le possibilità di invio nameserver sono molteplici. 2 nameserver, 2 nameserver con ip, 2 nameserver di cui uno senza ip e la’ltro con ip, 3 nameserver…etc…etc….
Alla fine abbiamo optato per un unico file xml che esplodesse solo il giusto numero di stringhe, piene, passate dalla piattaforma in base ai nameserver inseriti da noi o dal cliente.

-inserimento di vari controlli nella piattaforma per codici fiscali, partita iva, telefono

-notifiche e operazioni personalizzate per il conteggio del credito

-modifiche dns CON UPDATE DOMAIN

-calcolo personalizzato automatico degli ID e delle password (auth info) in conformità ai controlli dell’epp del Registro

Il Pensiero:

sicuramente passare il test per l’accreditamente non sarà facilissimo ma neppure difficile. Il problema maggiore è il dopo accreditamento.
Se alla base non è stata creata una propria piattaforma gestionale, il nuovo Registrar potrebbe trovarsi veramente in difficoltà.
E’ vero che il Registro, ed altri, hanno messo gentilissimamente a disposizione delle console per dialogare con l’EPP del Registro, però le problematiche sulla reale gestione in fase di produzione sono moltplici:
– creazione di lar che legalmente devono essere memorizzate per diversi anni visto che il Registro potrà richiederne i dati inq ualsiasi momento.
queste Lar per essere valide dovranno dimostrare che il cliente ha accettato online determinate clausole e per arrivare alla registrazione ha dovuto seguire determinati passi di validazione.
– trasferimenti e cambi registrante. Se alla base non vi è un sistema che riesce ad indirizzare il cliente verso il giusto modulo, il Registrar perderà molto tempo nello spiegare al cliente i passi da seguire
-cambio registrante prima e dopo un trasferimento. Se non vi è un sistema di base i clienti potrebbero trovarsi a dover pagare due volte un dominio per banali errori in fase di trasferimento, visto che una semplicissima modifica di una lettera nel nome cognome/ditta/partita iva al momento dell’invio del nuovo contatto, il Registro addebita nuovamente l’operazione

Il Registrar che non ha preparato a dovere una piattaforma personalizzata e soprattutto controllata, si troverà ad operare molte volte non in maniera sincrona ma quasi asincrona visto che dovrà operare con copia incolla dei dati, controlli sui nameserver…etc….
Il Registrar che non controlla i pagamenti tramite piattaforma per un trasferimento da MNT a REG potrebbe trovarsi davanti dei pagamenti per domini che in realtà non sono stati pagati. Su questo punto abbiamo discusso molto col Registro per vedere di far modificare la loro politica ed allinearla a quella asincrona oppure a quella tra due REG, ma non sembra che vogliano modificare la regola.

Ad oggi non sappiamo ancora se riusciremo ad accreditarci per il 28/09, vista la perdita di tempo per personalizzare gli xml.
Saremo anche pronti con l’esame ma vogliamo entrare in produzione con la piattaforma personalizzata automatica admin/client/epp/whmcs completamente funzionante e testata al 100%.
Diventare Registrar senza questa piattaforma creerebbe notevoli problemi a noi e ai clienti e chiederebbe troppo tempo a interventi manuali tramite console epp ” BRUTALE””:)

Inserisci Commento/Domanda/Risposta

You must be logged in to post a comment.